Anello di Villar San Costanzo MTB – VALLE MAIRA

Lunghezza: 19 km – Difficoltà: MC salita, MC/BC+ la discesa – Dislivello: 600m – Tempo percorrenza: 2h45’ con le dovute soste

Neve abbondante e ancora bassa (fine marzo 2018, ndr) ci costringono a piegare su itinerari lontani dalle marittime.

Il mio compagno d’ avventura odierno, oltre che accompagnatore cicloescursionistico, è anche geologo… e la sua esperienza propone di fare veloce anello in bassa valle maira, rivolto prevalentemente a sud e con poche zone in ombra. Tenteremo di evitare la neve per quanto possibile.

Ci dirigiamo in auto verso Villar San Costanzo, grazioso paesello alle porte di Dronero, nella bassa Valle Maira: il paese è famoso per aver valorizzato l’area Riserva Naturale dei Ciciu del Villar

Posteggiate le auto presso il cimitero, ci dirigiamo verso il paese, ci infiliamo in mezzo alle prime case e ci dirigiamo verso Morra del Villar sempre su asfalto in falsopiano. Il Monte San Bernardo con la sua croce, ben visibile, sorveglia la zona provvisto ancora di un bel “cappello bianco di neve”

 

Monte-San-Bernardo
Monte-San-Bernardo

 

Giunti alle prime case della frazione, svoltiamo decisamente a sinistra in salita al bivio con palina Via Rivoira:

 

Svolta-via-Rivoira
Svolta-via-Rivoira

 

ora la salita si fa decisamente sentire. Successivamente teniamo la destra al bivio per Rivoira inferiore,

 

Bivio-Rivoira-sottana
Bivio-Rivoira-sottana

 

cui giungiamo in breve: cominciano a farsi vedere le paline MTB “XC Experience” con il logo del Comune di Villar: il nostro percorso sarà contraddistinto da quelle con il colore giallo.

 

Palina-Rivoira-sottana
Palina-Rivoira-sottana

 

Superata la borgata, la pendenza si attenua e in breve giungiamo sulla famosa strada dei cannoni: al momento la neve è assente, ma tenendo la sinistra e procedendo su essa, dopo circa 1km ci rendiamo conto che proseguire sul versante non esposto al sole è impossibile. Torniamo sui nostri passi (QUINDI ATTENZIONE, LA TRACCIA GPX VI FARA’ TORNARE INDIETRO DI 200M CIRCA): per evitare ciò, giunti sulla strada dei cannoni, dopo circa 800m di salita, si dovrà prestare attenzione alla palina (sempre colore giallo XC Experience) sulla nostra sinistra.

 

Ritorno-al-bivio-palina-gialla
Ritorno-al-bivio-palina-gialla

 

Imbocchiamo la colletta in prossimità della segnaletica, ma ci teniamo sul più evidente sentiero che scende di fronte a noi, nonostante la successiva freccia gialla inviti ad andare verso sinistra.

Ci aspetta ora uno spettacolare single-track fornito di alcuni piccoli salti evitabili, saliscendi, spondine: una vera goduria!

 

Single-track-fantastico
Single-track-fantastico

 

Scendiamo “al piano inferiore” su sterratone da seguire e che ci dà modo di ammirare pianura e marittime alle spalle, ancora ben innevate.

 

Vista-sulla-pianura
Vista-sulla-pianura

 

Su pendenze accettabili, e dopo un breve attraversamento sulla neve, ci ricongiungiamo con la strada dei cannoni: giunti in prossimità del bivio “Volo Delta” teniamo la sinistra sulla strada e poco dopo ci inerpichiamo sulla breve ma durissima rampetta a sinistra che ci deposita alla postazione di lancio parapendio: se sarete fortunati come noi potrete assistere a qualche “lancio”!

 

volo-parapendio
volo-parapendio

 

Individuato il percorso di discesa sulla sinistra della zona di decollo… ci tuffiamo sull’ impegnativa discesa, che presenta alcuni gradoni e una rampetta finale in forte pendenza a fianco di una presa per l’ acqua in cemento.

Scesi alla successiva sterrata, teniamo la destra e compiamo un lungo traverso in falsopiano prima di giungere ad un’ ampia radura, adatta a scattare qualche foto.

 

Sosta-foto
Sosta-foto

 

Una delle vere chicche di questo giro ci aspetta: continuando a pedalare seguendo la sterrata arriviamo alla splendida Abbazia di San Costanzo al Monte (secolo VIII), al momento in fase di restauro. Una gru e il cantiere circostante “rovinano” l’ antico complesso che mi ripropongo di venire a visitare, a lavori finiti, un po’ più approfonditamente.

 

Abbazia-San-Costanzo-al-Monte
Abbazia-San-Costanzo-al-Monte

 

Continuiamo in discesa sulla sinistra e la sterrata diventa dapprima cementata, poi asfaltata: la vista si allarga in prossimità del Santuario di Santa Maria Delibera (sulla nostra sinistra).

Una breve sosta ad ammirarlo… e ad individuare la dritta sterrata di fronte a noi, che si imbocca proprio in prossimità di una palina con segnale di precedenza: cerchiamo così di evitare il bitume e in breve la via ci riporta al punto di partenza. Un bell’ anello per inaugurare questo tardivo inizio di stagione.

 

Scarica

 

Marco Revelli

Marco Revelli

Caporedattore del portale Nakture, sposato con Elena e padre di Lorenzo e Letizia, amo l' outdoor e la montagna.. appassionato di snowboard da una 15cina di anni e innamorato della MTB da qualche anno!

Lascia un commento