Il lago Nero in Valle Maira

 

Partenza e arrivo: Grange Selvest, Preit di Canosio (CN) 1630mt – Altitudine massima: 2288 – Dislivello: circa 700m – Lunghezza: 9,4 km
Escursione facile ad anello.

Uno dei luoghi che preferisco in Valle Maira è il Lago Nero, sia per il percorso molto vario che offre splendidi panorami nella salita, ma soprattutto perché rimango sempre estasiata dalla splendida visione del Monviso che lo sovrasta da lontano.

La partenza di questo itinerario è un paio di km dopo la frazione di Canosio, Preit, precisamente dal piccolo ponte che si incontra a Grange Selvest, sulla salita per il Colle del Preit.

Contrasti
Contrasti

Lasciata l’auto nel piccolo parcheggio e superato il ponticello, si prende a destra la carreggiata che sale dolcemente con alcuni tornanti all’inizio in un bellissimo bosco di larici fino ad arrivare ad una piccola casetta, Grangia Culausa.

Grangia-Culausa
Grangia-Culausa

Da qui la carreggiata si trasforma in un piccolo sentiero ed inizia a salire tra i larici, guardando a destra tra le rocce montonate sotto Colle del Preit si può scorgere una bellissima cascata che proviene dal lago della Meja.

La salita diventa sempre più ripida e i larici iniziano a diradarsi lasciando spazio ad un fantastico tappeto di rododendri e altre piccole piantine. A metà della salita volendo si può fare una piccola deviazione seguendo un cartello con l’indicazione verso la lapide degli alpini a 10 minuti di cammino.

Tacche-CAI
Tacche-CAI

Il sentiero diventa davvero ripido ma la fatica è ripagata girandosi indietro per ammirare il magnifico panorama dell’altopiano della Gardetta con i colori autunnali e, come già detto, dalla splendida visione del Viso in fondo a sinistra sul pianoro in cima alla salita. Per me ancora con poco allenamento devo dire che è stata davvero una visione…

Visioni-salendo-al-lago
Visioni-salendo-al-lago

Arrivati in cima si percorre ancora un tratto di percorso in discesa e dietro ad una collinetta si ammira finalmente lo spettacolare lago nero (2220mt) con tutte le montagne circostanti riflesse nel piccolo specchio d’acqua.

Lago-nero-valle-maira
Lago-nero-valle-maira

Per la via del ritorno bisogna arrivare dalla parte opposta del lago superare il piccolo rio che esce dal lago e salire per alcune decine di metri fino a trovarsi di nuovo in mezzo ai larici per iniziare il percorso della discesa.

I colori qui sono veramente spettacolari complice anche la luce che filtra in mezzo ai rami degli alberi, in breve si raggiunge la casetta situata alla grangia Giacarloso

Grange-Giacarloso
Grange-Giacarloso

e il sentiero inizia ad essere più dolce e ad allargarsi poco per volta fino a ritornare ad una vera e propria strada.

Sterrata-finale
Sterrata-finale

La rotabile diventa asfaltata e scende nel vallone della valletta fino al nostro punto di partenza.

Scarica

 

Lorena Durante

Chi sono? Educatrice, appassionata di fotografia (vicepresidente di Mondoviphoto), e di montagna. Ho un accompagnatrice speciale nelle mie passeggiate: il mio malamute Anouk

Lascia un commento