Skialp Monte Moro – FRABOSA SOPRANA

Partenza: parcheggio seggiovia Malanotte (m 900) – Frabosa Soprana (CN)

Arrivo: Baita delle Stelle e Monte Moro (m 1750)

Tempo di salita: 2 ore e mezza circa

Quest’anno (2017, ndr) l’inverno è stato davvero generoso per gli amanti dello sci. Siamo a fine marzo e abbiamo ancora neve in abbondanza.

Anche se presto gli impianti sciistici chiuderanno, le gite di alpinismo saranno ancora tante…sempre mantenendo le dovute precauzioni. Una delle gite più facili è quella di Monte Moro sopra Frabosa Soprana.

Percorso-di-salita-e-discesa
Percorso-di-salita-e-discesa

La località è facilmente raggiungibile da tutte le più importanti direttrici stradali e si trova nel cuore delle Alpi Marittime, in provincia di Cuneo e costituisce con Artesina e Prato Nevoso il comprensorio sciistico del Mondoleski. Raggiunto il paese di Frabosa Soprana si seguono le insegne per gli impianti e si lascia l’auto nell’ampio parcheggio della seggiovia Malanotte.

Panorama-Monviso-sullo-sfondo
Panorama-Monviso-sullo-sfondo

Da qui, sci ai piedi, si sale sulla destra. Forse siamo stati fortunati, ma siamo saliti su almeno 30 cm di neve fresca scesa nella notte precedente e sulla pista non battuta e deserta. Solo due militari prima di noi hanno ci hanno lasciato le prime tracce. Dopo un tratto in pendenza abbiamo imboccato una stradella sulla destra con pendenze poco impegnative e vari tornanti che, attraversando un bosco di conifere, betulle e faggi ancora ricoperti di neve, siamo arrivati alla Baita delle Stelle. Un bar-ristorante, aperto nella stagione sciistica, denominato anche balcone del Piemonte per il meraviglioso panorama che si gode dalle vetrate e dalle terrazze. Una vista a 360 gradi che spazia dalle Alpi al Golfo di Genova, una delle meraviglie della nostra regione, costruita negli anni ’50 e da poco ristrutturata.

 Baita-delle-Stelle
Baita-delle-Stelle

Da qui, con poco dislivello non impegnativo si raggiunge ancora la cima del Monte Moro. Tolte le pelli e ammirato il panorama che quel giorno era mozzafiato, abbiamo cominciato la discesa. In cima la neve era fantastica, solo più in basso, in alcuni tratti cominciava ad essere pesante. A mezzogiorno, la temperatura si fa sentire.

Bisalta
Bisalta

Scendere dalla pista Monte Moro o dalla Pian Brun è come tornare in dietro nel tempo. E’ una pista dal sapore antico e per chi non vuole fare fatica e rivivere l’atmosfera dello sci degli anni cinquanta/sessanta può prendere la seggiovia monoposto ancora in funzione.

Seggiovia-Montemoro
Seggiovia-Montemoro

E’ una delle uniche rimasta in Italia e, arrivando a Frabosa si può notare un cartellone con una vecchia foto che è diventato quasi il simbolo di questo paese. Fu costruita dalla ditta Marchisio ed inaugurata il 19 dicembre 1948, la più lunga d’Europa. Questa seggiovia fece fare un salto di qualità al monregalese e ancora adesso possiamo ammirarla e usufruirne…solo un particolare…gli sci si tengono in mano e le gambe non hanno appoggio, sono a penzoloni.

Ma non vi preoccupate, l’altezza da terra è minima e nel frattempo avete la possibilità di godervi per quasi trenta minuti di salita il paesaggio che vi circonda. Ne rimarrete incantati e vi sembrerà proprio di tornare indietro nel tempo.

Chiara Magliano

Chiara Magliano

Insegnante della scuola primaria. Amo la montagna, lo sport, le camminate a contatto con la natura. Mi piace immortalare con uno scatto le mie emozioni.

Lascia un commento