Anello Champofei Grange Sarià – VALLE GRANA

 

Lunghezza: 4,7km

Dislivello: 300m

Partenza e arrivo: Borgata Champofei (CN)

Accesso: giunti a Caraglio (CN), si entra nel paese e si risale la provinciale 712 che attraversa la Valle Grana: poco prima di Campomolino, si imbocca a sinistra, indicazione Colletto-Valliera; la stretta via è ancora asfaltata, quindi dopo Valliera diventa una sterrata dal fondo a volte dissestato ma percorribile tranquillamente in auto a bassa velocità. Si continua seguendo le indicazioni Agriturismo Champofei fino a giungere all’omonima borgata, cercando il comodo parcheggio alle “Grange” poco sopra.

Partenza-anello-Grange
Partenza-anello-Grange

Itinerario dallo sviluppo e dislivello contenuto, adatto anche ai bambini.

Giunti alla Borgata Champofei, che sta subendo un’ottima e lenta ristrutturazione, partiamo dal parcheggio posto a baite “Grange”, ove risiede la piccola zona ortofrutticola della locale azienda agrituristica.

Ci infiliamo in mezzo alle baite in pietra seguendo le numerose tacche biancorosse: curiosando tra le costruzioni abbandonate, scorgiamo dalla soglie delle porte, al loro interno, alcuni oggetti testimonianza di vita quotidiana del passato.

Sentiero-tra-le-case
Sentiero-tra-le-case

Lo stretto sentiero risale con pendenza dolce e in breve la vista spazia tra le mandrie sugli alpeggi (siamo nella patria del Castelmagno!) e splendide borgate, tra cui Valliera, arroccata su uno dei diversi speroni rocciosi che caratterizzano questa parte di territorio.

Splendida-e-arroccata
Splendida-e-arroccata

Dopo poco, ad un bivio, prendiamo a destra in salita (palina) e compiamo un lungo traverso fino a raggiungere alcune grange diroccate, veri monumenti di pietra lungo il nostro tragitto.

Antichi-resti
Antichi-resti

Interessante è compiere una breve disgressione, giunti sulla dorsale detta “La Costa” (1620m, palina), per vedere le incisioni rupestri, risalenti all’ età del bronzo e raffiguranti alcune figure antropomorfiche.

Ritornati sui propri passi, compiamo l’ultimo tratto in salita in una pineta; qui il sentiero si allarga e, tappezzato di un morbido tappeto di aghi di pino, ci fa compiere alcuni tornanti prima di arrivare ad un colletto sotto il nostro obiettivo: ci troviamo vicino ad un dirupo, e la vista spazia sulla media valle; osserviamo inoltre una bella e alta cascata, oggi ancora attiva, a causa dello scioglimento tardivo delle nevi di inizio primavera 2018 (giugno, ndr).

Colletto-con-cascata-sullo-sfondo
Colletto-con-cascata-sullo-sfondo

Qui il sentiero si tramuta in sterrata: seguiamo le indicazioni della palina per Grange Sarià che raggiungiamo con un’ ultimo tratto in salita. Vista magnifica.

Grange-Sarià
Grange-Sarià

Ritorniamo indietro al colletto e proseguiamo il nostro giro, imboccando la carrabile sterrata, indicazione Valliera: qui il percorso prosegue in rilassante lieve discesa.

Larga-sterrata
Larga-sterrata

Dopo poco incrociamo il bivio alla palina indicante la sorgente Poutaset: proseguendo a sinistra sul sentiero R10 si arriverebbe al punto di partenza con un lungo traverso su stretto sentiero.

Bivio-sorgente-Poutaset
Bivio-sorgente-Poutaset

Noi invece proseguiamo dritti sempre sulla larga sterrata, indicazione Valliera, per ammirare più da vicino due delle più belle borgate della valle: Batoira e Valliera, che sono state recentemente oggetto di un ottimo recupero.

Bacheca-infomativa
Bacheca-infomativa

Scendendo ulteriormente, incrociamo la via precedentemente percorsa in auto per arrivare a Champofei: la si imbocca e, senza possibilità di errore, giungiamo alle case chiudendo così l’ anello.

Bivio-Champofei
Bivio-Champofei

Compiamo un giretto finale tra le viuzze per apprezzare il parziale restauro e recupero: il lavatoio e la vecchia Chiesa meritano assolutamente la visita. Degno finale a questo anello è il lauto pranzo che ora ci aspetta al locale agriturismo, nel centro di questa deliziosa borgata.

Paline-escursionistiche
Paline-escursionistiche
Antico-lavatoio
Antico-lavatoio
Interno-Chiesetta
Interno-Chiesetta

Percorsi ben segnalati e suggestive borgate fanno di questa zona della media Valle Grana una meta adatta a chi cerca il connubio tra outdoor e cultura montana.

Scarica

 

Marco Revelli
Informazioni su Marco Revelli 67 Articoli
Caporedattore del portale Nakture, sposato con Elena e padre di Lorenzo e Letizia, amo l' outdoor e la montagna.. appassionato di snowboard da una 15cina di anni e innamorato della MTB da qualche anno!

Commenta per primo

Lascia un commento