Anello di Recco per il Redentore

Partenza ed arrivo: Recco (GE)

L’itinerario inizia appena usciti da Recco, sulla Via Aurelia, in quel punto chiamata Via Cavour, direzione Genova.

All’altezza di un semaforo posto di fronte ad un area di servizio, la si attraversa , notando il segnavia formato da un punto rosso attraversato da una linea orizzontale. Si prende quindi la salita per Megli sino a giungere al Santuario omonimo.

Proseguiamo quindi per l’abitato di Faveto , seguendo il nostro segnavia ed il crinale con vista sia su Recco, Camogli e Punta Chiappa a sinistra e Genova a destra .

Giungiamo così alla imponente Statua del Redentore inaugurata nel 1902, abbattuta da un fulmine nel 1962 ed eretta nuovamente nel 1966. Sempre seguendo il crinale giungiamo a Sant’Apollinare con la sua bella chiesetta posta sul promontorio. Il segnavia ora cambia ed il sentiero è contrassegnato da due linee rosse orizzontali. Seguendolo giungiamo a Sori. Qui possiamo sostare ed ammirare la Chiesa di Santa Margherita di Antiochia con il suo Campanile considerato, a mio avviso non a torto, uno dei più bei campanili in stile barocco della Liguria.

Ritorniamo, in salita, sui nostri passi sino a Sant’Apollinare, dove una stradina cementata posta a fianco di un muretto a secco ci porta, trasformandosi poi in sentiero a Polanesi, superando una Torre Saracena. Da Polanesi scendiamo seguendo i segnavia indicanti la scritta“Sentiero Liguria” su Mulinetti. Ivi giunti passiamo, utilizzando il cavalcavia, sotto la linea ferroviaria e l’Aurelia. Giungiamo quindi sulla su pedonale che diviene strada asfaltata ed in breve chiudiamo l’anello a Recco.

Chilometri totali: 10,46

Presenza di acqua

Gita anche per bambini.

Da gustare a fine gita la famosa Focaccia di Recco.

 

Scarica

 

Fotogallery

 

Sori
Sori
il-Redentore
il-Redentore

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Giovannino Giovine
Informazioni su giovannino giovine 49 Articoli
Giovannino Giovine

Commenta per primo

Lascia un commento