Anfiteatro del Martinet: Goulotte e Scudo, Chianale – VALLE VARAITA

 

L’Anfiteatro del Martinet è semplicemente spettacolare. Mentre per la prima volta risaliamo la gola che conduce al primo salto di ghiaccio non immaginiamo ancora quale estatica visione ci attende al di sopra.

Grazie all’esposizione favorevole queste cascate si formano tutti gli anni e col passare del tempo sono diventate molto famose tra i cultori del genere. La prima salita nota sulla cascata di destra, detta originale, risale al febbraio 1980 ad opera di Piero Marchisio e Guido Ghigo.

Ad oggi le linee di salita sono 8 senza contare le varianti né le moderne vie di misto e senza considerare altre cascate che si trovano al di sopra dell’anfiteatro!

Nel gennaio 2018 abbiamo effettuato la nostra prima salita nell’anfiteatro sulle sue due cascate meno dure, la Goulotte e lo Scudo.

Punto di partenza: Chianale (CN)

Materiale: normale dotazione per arrampicata su ghiaccio

Tipo di via: cascata di ghiaccio, presenti soste attrezzate su roccia e/o su alberi

Esposizione: nord, nord-est

La Gola del Martinet osservata da Chianale
La Gola del Martinet osservata da Chianale

Avvicinamento: si parcheggia l’automobile a Chianale (CN) in uno spiazzo all’inizio del paese sul lato sinistro della strada. Si oltrepassa un ponte e si sale per prati in direzione dell’evidente gola del Martinet, solcata da un torrente. Addentrandosi nella gola si perviene ad un primo salto di ghiaccio (40m a 60°/70°, sosta attrezzata sul lato destro della gola). Si continua a piedi giungendo nel maestoso anfiteatro del Martinet, posto a quota 1950m, dove si formano numerose colate. La Goulotte e lo Scudo sono le ultime due a sinistra (in copertina), la prima facilmente riconoscibile perché semplice e incassata tra le rocce.

Il primo risalto nella gola
Il primo risalto nella gola

La goulotte

Difficoltà: AD+ (II, 2+)

Lunghezza: 40m

Apritori: ignoti

Si segue l’evidente goulotte con pendenze tra i 60°/75° fino a sbucare sul pendio sovrastante puntando agli alberi, su uno di essi è allestita una sosta).

Discesa in doppia della goulotte
Discesa in doppia della goulotte

 

Discesa in corda doppia.

Lo scudo

Difficoltà: TD- (II, 4-)

Lunghezza: 50m

Apritori: M.Bisso, G.Caneva, G.C.Grassi, G.P.Meda, 27 gennaio 1988

Si sale il bellissimo muro si ghiaccio che parte con un muretto verticale a 90°, per poi continuare a 80°/85° con difficoltà omogenee. Resta possibile attaccare il muro in più punti, trovando tratti meno verticali. Si sosta su alberi.

Sullo Scudo
Sullo Scudo

Discesa in corda doppia o attraversando sui pendii sovrastanti verso destra fino a intercettare sentiero o tracce per scendere nella parte destra dell’anfiteatro.

Profili dell'alta Valle Varaita
Profili dell’alta Valle Varaita
Stefania Lovera
Informazioni su Stefania Lovera 63 Articoli
Vive in Valle Stura. Da sempre ama la montagna, la passione aumenta negli ultimi anni con la pratica dell'alpinismo e dell'arrampicata. Ha un approccio spirituale alla montagna.

Commenta per primo

Lascia un commento