Ciaspolata primaverile a Costa Sturana da S. Anna di Bellino – VALLE VARAITA

 

Località di partenza: S. Anna di Bellino (CN)
Ascesa: 810 mt
Distanza: 11,77 km
Ad anello: no

Data escursione: 11 maggio 2019

Scala delle difficoltà escursionistiche:

GRADO CAI (Club Alpino Italiano) E (Escursionistico) – Il più frequente, con tempi di percorrenza da 1 a 4 ore, su sentieri di vario genere anche ripidi ma senza particolari precauzioni, tratti esposti ma protetti, percorsi senza difficoltà di orientamento

GRADO CAS (Club Alpino Svizzero) T1 – Escursionismo – Terreno piano o in pendenza leggera, nessun pericolo di cadute. Sentiero ben sgombro.

ACCESSO IN AUTO: Imboccare la valle Varaita e risalirla fino a Casteldelfino. Qui occorre svoltare dalla strada principale verso il vallone di Bellino. Risalito il vallone dopo le varie borgate, si giunge, passando davanti al rifugio Meleze’, fino a S. Anna di Bellino, dove termina l’asfalto: si supera un ponte e, in prossimità dell’ inizio di una sterrata sulla sinistra, si parcheggia l’auto.

NOTA PERSONALE:
Gita facile ma non banale in quanto, sul pendio finale dopo il “Pian Traversagn”, la traccia su neve deve essere un po’ studiata ed “indovinata”. Sulla cresta finale ottima visuale su Rocca Marchisa, Pelvo d’Elva, Pic de Sagneres e, dalla parte opposta, il Monte Faraut.
Gita effettuata in condizioni meteo “molto variabili”.

ITINERARIO

Possibile alternativa di salita sul colletto di Traversagn: noi abbiamo invece optato per seguire la sterrata principale con i suoi tornanti, in quanto i canaloni discendenti dal monte Pence avevano già “scaricato”: occorre, infatti, prestare molta attenzione a questa parte dell’ itinerario, in quanto soggetta normalmente a valanghe dopo una recente nevicata.

Vista-sul-colletto-di-Traversagn
Vista-sul-colletto-di-Traversagn

Superato il pianoro del Pian Traversagn, occorre attraversare un ponticello di legno ed iniziare la salita su comodo pendio fino ad un colletto, oltre il quale si trovano le Grange Sagneres.

Il-Colle-Sagneres
Il-Colle-Sagneres

In direzione della cresta finale il cielo si preannuncia più clemente e e ci permette di avere maggiore visibilità intorno a noi, individuando anche Il Colle delle Sagneres che mette in comunicazione con il vallone al centro del giro dei 3 tremila (Marchisa, Pelvo d’Elva e Chersogno).

La-regina-della-zona-Rocca-La-Marchisa
La-regina-della-zona-Rocca-La-Marchisa

Arrivati sulla cresta, occorre prestare attenzione alle eventuali “cornici”di neve.

Scendendo, sulla via del ritorno, vista incantevole verso il colle di Reisassetto e a destra il Monte Ferra.

Il-colle-Reisassetto-e-a-dx-il-monte-Ferra
Il-colle-Reisassetto-e-a-dx-il-monte-Ferra

Interessante escursione ad quota media che ci ha permesso di avere un piacevole panorama a 360° nonostante le condizioni meteo abbastanza avverse.

Scarica

 

Massimo Frumento
Informazioni su massimo Frumento 42 Articoli
Determinato, ottimista, esploratore, apprezzo condividere le opportunità della vita.

Commenta per primo

Lascia un commento