Ciaspolate sotto la luna… al Pian dell’ Arma – VALLE TANARO

Nuovi amici nuovi ciaspolatori al Rifugio Pian dell’Arma di Caprauna!

E il week end si è concluso con quattro ciaspolate, al sabato visita all’Arma dietro al rifugio, semplice passeggiata di riscaldamento e tanta neve sul sentiero, ma di fronte all’ingresso della caverna solo erba, i nostri antenati sapevano scegliere bene i luoghi per vivere.

E dopo un pranzo leggero ma tipico della nostra cucina “bianca” tutti sull’Alta Via dei Monti Liguri, solo un pezzo però, arrivati sotto il Monte della Guardia vediamo il panorama e torniamo indietro, il pranzo era modico…ma qualche bicchiere di Dolcetto di troppo rendono pesante la camminata!

Merenda con i dolci e si parte per la notturna che ci ha portati sulle Vie del Sale a raggiungere la cappella di Madonna Guarneri, passando fra i sentieri della Via Alpina, vecchio sentiero di congiungimento fra il pian dell’Arma e Caprauna paese, c’era chi correva come la nostra guida in testa e un piccolo gruppetto, chi stava a metà e chiacchierava come Marina del rifugio e chiudeva la fila Corrado guida di mountain bike che senza la sua due ruote si sentiva un po’ perso, ma anche aiutava delle gentil donzelle che avevano inforcato per la prima volta le ciaspole.

La luna non piena rischiarava benissimo e si sono spente le pile frontali, non servivano,  tutto era più magico, solo un po’ fresco, ma quel tanto che basta per farti apprezzare i guanti e il berretto ad un tratto il chiacchiericcio si è fermato il panorama incantato  che ci stava intorno parlava per tutti noi.

Rientrati al rifugio, Cristina e Giulia ci hanno deliziato con  una cenetta di antipastini e polenta con cacciagione e non poteva mancare del buon Barbera che ci ha tenuti allegri sino a tardi.

Domenica mattina, ancora un po’ assonati siamo partiti per l’escursione sui pascoli alti e la sterrata del Colle San Bartolomeo ci ha accolti con un bel sole dove abbiamo curato anche l’abbronzatura.

Il gruppo era composto maggiormente da genovesi e savonesi e che dire tutti entusiasti e magicamente colpiti da questa valle che si tuffa nel mare non riuscivano a togliere gli occhi dai monti che ci circondano e dal paesaggio. Sguardi di pace e quiete con la voglia di conversare in armonia di tutto un po’ siamo arrivati ai “culetti” e sotto Colla Bassa mezz’ora di pausa fotografica e di spuntino.

Rientro in rifugio per le ore 14 ci siamo seduti a tavola per un pranzo più che completo, ormai basta pensare allo sport vero e proprio, ma pensiamo solamente a muovere le mandibole per un pranzetto caratteristico piemontese!

 

Fotogallery

mappa-ciaspolate-PianDellArma
mappa-ciaspolate-PianDellArma
alta-via-si-ciaspola
alta-via-si-ciaspola

 

Commenta per primo

Lascia un commento