Cima Argentera Nord – VALLE GESSO

Accesso: Lago delle Rovine, Valle Gesso (CN)

Dislivello: 1300mt

Difficoltà: F (prima forma di arrampicata)

Punto d’appoggio: Rifugio CAI Genova (2010 m.)

La Serra dell’Argentera è montagna molto conosciuta, soprattutto la cima Sud (3297 mt.)

Fa da spartiacque tra i valloni del Gesso della Valletta e della Rovina, molto frequentata sia per l’altitudine che per lo stupendo panorama sull’ arco alpino centro-occidentale: è detta anche il “tetto delle marittime”.

Noi abbiamo deciso per la Cima Nord: premettiamo subito che questa è un’ escursione lunga e impegnativa.

La salita presenta alcuni tratti di arrampicata (passi di I,II grado) particolarmente strapiombanti e va affrontata con la dovuta prudenza dei percorsi d’alta montagna. Ci sono varie vie di accesso, noi siamo partiti dal rifugio Genova posto sulle sponde del lago (diga) del Chiotas, dove abbiamo pernottato in nottata.

Nel tardo pomeriggio risaliamo la Valle Gesso, prima di Entracque svoltiamo a destra, costeggiando per un bel tratto la grande diga (La Piastra) raggiungendo poi il lago delle Rovine  dove parcheggiamo l’auto (a pagamento, 3 euro al gg).

Lago-della-Rovina-1545-mt
Lago-della-Rovina-1545-mt

Il sentiero che da ci porta al rifugio parte subito in decisa salita, con vari tornanti per ammorbidire il dislivello (500mt circa), e si inerpica sulla cresta a sinistra dell’enorme muro che contiene la diga del Chiotas. In circa 1,5 ore arriviamo “al Genova”, dove ci attende una lauta cena ed un meritato riposo.

Rifugio-Genova-2010-mt
Rifugio-Genova-2010-mt

Si parte di buon mattino: il sentiero che ci interessa  s’innalza a sinistra dell’ enorme diga e in vari tratti si presenta scivoloso e strapiombante.

Sentiero-che-costeggia-il-lago-del-Chiotas
Sentiero-che-costeggia-il-lago-del-Chiotas

Costeggiamo l’ enorme bacino per un bel tratto, fino a raggiungere un contrafforte roccioso (passaggio del Baus): qui si percorre un’esile ed aerea cengetta attrezzata con cavi di acciaio: è impressionante da vedere ma priva di difficoltà.

Si prosegue sempre in salita

In-vista-il-bivacco-del-Baus-sul-crestone-roccioso
In-vista-il-bivacco-del-Baus-sul-crestone-roccioso

cercando di non perdere di vista le marcature sui sassi; a quota 2250mt si attraversa un rio e, tenendoci a destra, con un lungo traverso giungiamo alla base di un poggio roccioso.

Ben visibile sopra di noi c’è il bivacco del Baus

Bivacco-del-Baus-2668-mt.alle-spalle-la-Serra-dellArgentera
Bivacco-del-Baus-2668-mt.alle-spalle-la-Serra-dell-Argentera

affiancato da un grande ometto di pietra (2668 mt): siamo nel bel mezzo dell’ Altopiano omonimo e di fronte vediamo il lago del Chiotas che brilla di un blu intenso mentre, alle spalle, incombe l’enorme mole dell’Argentera Sud.

Ci prendiamo un attimo di respiro per ammirare tanta “aspra” bellezza, prima di compiere ancora un lungo traverso per congiungerci alla traccia che sale dal Passo del Porco.

Lungo-traverso
Lungo-traverso

A destra del bivacco si scende dal poggio roccioso con un passaggio un po’ “delicato” e si perdono circa una cinquantina di metri di dislivello, quindi si attraversa con difficoltà la lunga pietraia; infine, individuate le tracce risalenti dal vallone del Chiapous, (alla fine del Passo del Porco) continuiamo in salita, nella conca, in direzione nord-ovest, fra rampe erbose, detriti e roccioni resi lisci da antichi ghiacciai.

Questo tratto è sconsigliato in caso di nebbia in quanto le tracce rosse sono rare e sbiadite dal tempo, mentre i numerosi “omini” di pietra non sempre portano nella giusta direzione, attenzione!

Trovandoci oramai poi in vista dell’ imponente parete che “chiude” la conca, si compie ancora un traverso verso sinistra per raggiungere la base rocciosa ed individuare le due evidenti cenge parallele che “tagliano” la parete da destra verso sinistra.

Base-della-parete-Nord
Base-della-parete-Nord

Di norma si risale quella superiore,

Risalita-della-cengia
Risalita-della-cengia

un po’ incassate ed un po’esposta:  al termine troviamo un’indicazione su dei sassi che ci invita a proseguire sempre a sinistra, fino a raggiungere la cresta alpinistica (via difficile). Salendo invece dritto la via risulta più agevole: si cerca di guadagnare quota con qualche passo di breve e quasi facile arrampicata.

Passi-di-arrampicata-oltre-la-cengia
Passi-di-arrampicata-oltre-la-cengia

A metà parete si trova un evidente traverso a destra fatto di piccole cenge, poi si torna a proseguire a sinistra oltrepassando una vena di quarzo verticale

Ultimo-tratto
Ultimo-tratto

e si cerca di raggiungere al meglio la piccola croce di vetta a 3286 mt: quest’ultimo tratto è il più impegnativo per trovare un passaggio

Cima-Argentera-Nord-3287-mt
Cima-Argentera-Nord-3287-mt

Il panorama sulle alte cime delle marittime, se la giornata è serena, lascia senza fiato: vicinissima a noi c’è la cima Sud dell’ Argentera, (di pochi mt più alta, 3297 m.), alle spalle, incassati nelle conche detritiche, abbiamo i laghi di Fremamorta e l’ omonima cima, a fianco il monte Stella, il Gèlas di Lourousa, l’immenso altopiano del Baus che si specchia nel bacino del Chiotas; insomma vale veramente la pena la “faticaccia” di una salita fin quassù!

Dalla-cima-lo-sguardo-spazia-fin-oltre-i-Gelas-e-la-Maledia
Dalla-cima-lo-sguardo-spazia-fin-oltre-i-Gelas-e-la-Maledia

Il rientro si svolge, con cautela nel primo tratto, lungo l’itinerario di salita fino alla confluenza con il Passaggio del Porco, con un tratto particolarmente strapiombante ma su sentiero molto largo.

Passo-del-Porco-strapiombante-ma-sentiero-spazioso
Passo-del-Porco-strapiombante-ma-sentiero-spazioso

Lo si percorre in discesa, raggiungendo il bivio per il Passo del Chiapous, ma ora, tenendo la destra,  si scende nel vallone omonimo (sentiero rifatto da poco,ottimo lavoro!), si attraversa la diga e si raggiunge il lago delle Rovine, chiudendo cosi il lungo e impegnativo anello.

 

Al-rientro-si-attraversa-sulla-diga-del-Chiotas
Al-rientro-si-attraversa-sulla-diga-del-Chiotas
Scarica

 

 

Giusy Olivero
Informazioni su giusy olivero 10 Articoli
.....mi piace la natura.....in tutte le sue forme.....mi piace fotografarla.....

Commenta per primo

Lascia un commento