Cima Mercantour Canale NO – VALLE GESSO

Scala difficoltà PD (poco difficile)

Esposizione prevalente nord-ovest

Quota di partenza m 1760

Quota vetta m 2775

Dislivello complessivo m 1300

Ore alla cima 3:50

Ore totali gita 6:45

Partenza e arrivo: Pian della Casa del Re, Valdieri (CN)

Periodo consigliato: dall’apertura della strada (dipende dall’innevamento) fino a fine giugno.

Per questa gita partiamo presto perchè la neve dopo una certa ora diventa bagnata e pesante: quindi alle 7:00 del mattino iniziamo già a camminare.

Dalle terme di Valdieri si prende la strada per il Piano della Casa, la strada è asfaltata, poi sterrata molto dissestata; quindi è consigliato percorrerla con un fuoristrada o comunque con una macchina non troppo bassa.

 

Piano-della-Casa
Piano-della-Casa

 

Dal Pian della Casa si segue l’itinerario per la Cima Ghiliè, l’inizio del percorso è esente da neve, poi sulla neve abbiamo calzato i ramponi tenendo un bastoncino ma sostituendo l’altro con una piccozza ed indossiamo il casco per sicurezza.

Dopo circa 600 metri di dislivello, al punto dove i canali si dividono si imbocca quello di destra ed arrivando ad un pianoro si svolta nuovamente a destra verso il canale del Mercantour.

 

Bivio-canali
Bivio-canali

 

Lì si percorre un’altro breve pianoro, quindi si ripone il bastoncino nello zaino per fare cambio con l’altra piccozza.

 

Canale-del-Mercantour
Canale-del-Mercantour

 

La prima parte del canale non è eccessivamente ripida ma è tutta da tracciare (la maggior parte degli escursionisti di solito va verso i canali vicini perchè sono più adatti allo sci alpinismo) poi si svolta verso sinistra ed inizia la parte più ripida, 35-40% di pendenza (sempre da tracciare) e dopo circa 100 metri di salita si arriva all’uscita del canale con pendenza 50%.

 

Uscita-del-canale-Mercantour
Uscita-del-canale-Mercantour

 

L’ uscita del canale ha sempre pendenza più elevata a causa del vento “che porta su” la neve: quando si dice… che c’è sempre qualcosa da imparare!

Terminato il canale ci incamminiamo su di un tratto di sassi alternato a neve quindi continuiamo a tenere i ramponi calzati anche se non è l’ideale a causa delle pietre viscide per l’ umidità; dopo poco arriviamo alla cima del Mercantour.

 

Vetta
Vetta

 

Facciamo la nostra pausa pranzo non troppo lunga, poichè vogliamo ancora scendere con neve buona— ed inizia anche ad annuvolarsi. Si va! Prendiamo in direzione del canale alto di Ciriegia passando vicino al lago del Mercantour, in questo periodo ancora ghiacciata nella parte centrale: invece l’ acqua della parte esterna, col disgelo, assume un intenso colore azzurro, fenomeno causato dall’aria che rimane intrappolata durante le nevicate.

 

Lago-del-Mercantour
Lago-del-Mercantour

 

Superato il lago risaliamo al colle Ciriegia per poi scendere l’ omonimo canale basso con pendenza 30% costanti percorrendolo quasi tutto con “faccia a monte” usando sempre ramponi e piccozze.

 

Discesa-canale-Ciriegia
Discesa-canale-Ciriegia

 

Terminato il canale proseguiamo su un pianoro fino a raggiungere un tratto di massi quindi il sentiero. A questo punto togliamo i ramponi, posiamo le piccozze e riprendiamo i bastoncini, togliamo anche il casco indispensabile fino ad ora per la nostra sicurezza.

Troviamo ancora un tratto di neve morbida poi tutto sentiero alternato a massi ed arriviamo in vista del rifugio Regina Elena adibito a pernotto e uso cucina.

 

Rifugio-Regina-Elena
Rifugio-Regina-Elena

 

Superato il rifugio si prosegue la discesa ripercorrendo un tratto della salita iniziale fino ad arrivare al parcheggio de Piano della Casa.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento