Cima Tesina – VALLE STURA

Partenza e arrivo: località Callieri, Bagni di Vinadio (CN) – Lunghezza percorso : 12,8 km – Quota partenza : 1450 mt – Quota max : 2460 mt – Dislivello : 1010 mt

Questa molto probabilmente sarà l’ultima gita su neve di questa stagione, ormai la quota si è alzata molto e il portage si stà facendo eccessivo, almeno per i miei gusti.

Per la gita finale mi reco in valle Stura, precisamente sopra ai Bagni di Vinadio, nel vallone di S.Bernolfo. Ormai la strada è aperta fino alla borgata di S.Bernolfo e si arriva comodamente alla piccola borgata di Calleri, punto iniziale della mia gita.

La destinazione di oggi è la conosciuta cima Tesina, posta proprio sopra il santuario di S.Anna di Vinadio; io però decido di salire dal versante a nord, molto meno frequentato e selvaggio.

Il sentiero parte tra le case di Calleri e seguendo la palina indicatrice (colle Tesina), si inoltra nel bosco e si avvicina al torrente che scende dal vallone Tesina; si sale su un bel sentiero fino ad arrivare ad un pianoro a 1900 metri di quota, dove a sede la capanna Tesina, costruita vicino ad una grande roccia.

il-pianoro-di-capanna-tesina
il-pianoro-di-capanna-tesina

Qui si abbandona il vallone Tesina e attraversato il torrente si risalgono i ripidi pendii svoltando verso sinistra e entrando in una stretta gorgia, con la meta ben visibile davanti a noi.

Si entra così nell’appartato vallone di Roccias Lion… verso destra si sale al passo Tesina, ma visto che la neve è ancora molto dura io decido per salire direttamente i pendii alla sinistra della cima, in quanto più esposti al sole.

vallone-roccias-lion
vallone-roccias-lion

Salita diretta e molto ripida (molto utili i ramponi) che porta direttamente sulla dorsale che divide il vallone Roccias Lion da quello di S.Anna…pochi metri di dorsale e sono sulla cima..a godermi uno stupendo panorama, con davanti la cima Maladecia.

cima-e-passo-tesina
cima-e-passo-tesina

Discesa più tranquilla seguendo la dorsale fino ad una sella posta sotto le pareti della testa Mouton, dove i pendii sono meno ripidi e la discesa più sicura.

La gita non presenta difficoltà particolari, da fare con attenzione il tratto finale soprattutto con la neve dura di questa giornata; grande vista dalla cima.

panorama-e-racchette
panorama-e-racchette

 

Scarica

 

Massimo66
Informazioni su Massimo66 31 Articoli
Non ci sono molte cose da raccontare. Dopo anni passati a girovagare tra le montagne in bicicletta sono diventato un escursionista , ma sempre con il gusto della scoperta.

Commenta per primo

Lascia un commento