Colle Traversiera e Colle Rui MTB – VALLE MAIRA

 

Colle Traversiera – Colle di Rui

Partenza/Arrivo: Villar (CN) 1384 mt
Dislivello totale: 1656 mt.
Distanza: Km: 31
Difficoltà: BC++/OC
Tempistica: 5-6 H
Altezza Massima: Passo Lauset (2889 mt.)
________________________________________
Note tecniche:
Itinerario cicloalpinistico molto impegnativo ad anello in Val Maira, zona di confine con la Francia, circondata da alte montagne e tradizioni alpine. Durante la seconda Guerra Mondiale, furono effettuati numerosi lavori di fortificazione della frontiera. Nel giro percorreremo strade ex militari e mulattiere ancora in ottimo stato di conservazione e potremo vedere panorami spettacolari di alta montagna e visitare numerose opere di difesa. Previsto un portage di circa 30 min.

________________________________________

Descrizione itinerario:
Partiamo presso la borgata di Villar, subito dopo Acceglio (CN) e iniziamo a pedalare risalendo la ripida strada asfaltata che ci porta prima a Lausetto, poi a Colombata ; superato un ponte , la strada diventa sterrata, si tiene la sx e in breve raggiungiamo la caratteristica chiesetta della Madonna delle Grazie.(mt.2010).

la-chiesetta-Madonna-delle-Grazie
la-chiesetta-Madonna-delle-Grazie


Da qui, senza possibilità di errore, continuiamo sulla strada ex militare tra brevi tratti in cui possiamo rifiatare ad altri dove la fatica incomincia a farsi sentire…dopo lunghi traversi raggiungiamo gias Traversiera.

la-mulattiera-in-ottime-condizioni
la-mulattiera-in-ottime-condizioni

Il fondo sempre ottimo, in questo tratto peggiora leggermente, sino all’imponente ponte in muratura (l’opera militare più onerosa del progetto viario);

imponente-ponte-in-muratura
imponente-ponte-in-muratura

man mano che si sale nel vallone di Traversiera, si incominciamo a vedere sulla sx le montagne che andremo ad attraversare: il Bellino, l’Albrage, Cervet e la Costa Fissela.

 

la-splendida-mulattiera
la-splendida-mulattiera

La strada raggiunge il valico della Colletta (mt. 2840) dove proseguendo sulla dx è d’obbligo la tappa presso il Rifugio Carmagnola realizzato utilizzando la vecchia caserma della G.a.F. che ospitava i soldati che presidiavano lo sbarramento del Monte Bellino.

Rifugio-Carmagnola
Rifugio-Carmagnola

Nelle vicinanze sono visibili numerosi bunker e posti difensivi: da qui la vista è spettacolare….

bunker-alla-Colletta
bunker-alla-Colletta

Si ritorna brevemente alla Colletta, si abbandona la mulattiera e si prosegue a sx su sentiero gta, dove alterneremo brevi tratti in sella a tanto portage….dalle pendici del Monte Bellino (visibile la croce sulla dx) infatti la ciclabilità praticamente termina sia per il fondo pietroso che per la pendenza : purtroppo il tempo ha quasi del tutto cancellato l’ardita mulattiera che in realtà proseguiva verso il Colle della val Fissela.

ancora-visibile-ardita-mulattiera
ancora-visibile-ardita-mulattiera

Attraversiamo il Colle Traversiera, e visitiamo l’opera 20 al cospetto delle ripide pareti del Monte Albrage.

bunker-al-cospetto-delle-pareti-del-Monte-Albrage-
bunker-al-cospetto-delle-pareti-del-Monte-Albrage-

Proseguiamo in leggera discesa e ci avviciniamo all’attraversamento della pietraia che scende dal monte Albrage sicuramente uno dei due punti duri della nostra gita…Qui a causa del labile sentiero da attraversare tra speroni di roccia e vari canalini da superare, anche il portage della bici diventa molto impegnativo, dunque prestare massima attenzione e concentrazione!
Raggiungiamo il colle della Val Fissella (2874 m.) dove è possibile ammirare alla nostra dx un’altra opera fortificata; riprendiamo finalmente a pedalare (dopo circa 30 minuti di portage…) svoltiamo a sx e, dopo un breve traverso in cresta, arriviamo al passo Lauset (2889 mt.) il punto più alto della gita di oggi: da qui si può ammirare lo spettacolare Vallone del Maurin e sul versante opposto il Monte Freide.

Passo-Lauset
Passo-Lauset

A ridosso del passo l’ennesimo bunker tra gli sfasciumi e nelle vicinanze si scorgono i ruderi di un vecchio ricovero truppe (Il Baraccone).
Dal passo parte sulla sx l’evidente mulattiera che scende a valle dal piccolo complesso fortificato del colle Lauset e dopo alcuni veloci traversi si arriva al bivio per il Colle Rui con la traccia che collega una delle possibili vie di rientro collegando direttamente e più velocemente la chiesetta di Madonna delle Grazie.
Noi abbiamo continuato proseguendo a dx e risalito per pochi metri fino al colle di Rui (2709 mt.), terminando di fatto le salite; dopo una meritata pausa, inizia la lunga discesa in single-track che ci porterà a valle.

vista-dal-Colle-di-Rui
vista-dal-Colle-di-Rui

Arriviamo prima a La Colletta (2576 mt.), poi la discesa prosegue sulle pendici del monte Eighier, incontrando una caserma truppe e congiungendosi al sentiero che sale verso il colle Greguri.

caserma-per-truppe
caserma-per-truppe

Noi pedaliamo scendendo a sx giungendo ai piedi della Rocca Provenzale alternando qualche breve tratto a piedi.
Si intuisce come tutte queste tracce sono state di supporto per la realizzazione ai collegamenti vari per la linea difensiva del Vallo Alpino della Val Maira.

single-track-di-rientro-verso-Chiappera
single-track-di-rientro-verso-Chiappera

A quota 1820 mt. , nei pressi di un rio, lasciamo il sentiero GTA e pieghiamo a sx arrivando direttamente alla borgata di Chiappera. e da qui scendiamo su asfalto direzione Acceglio, fino a Villar concludendo questo bellissimo itinerario.

 

Scarica

 

Commenta per primo

Lascia un commento