Colletto Pellerina Alta VALLE PESIO

Partenza: Certosa di Pesio (CN)

Oggi non avevo molto tempo, ma la giornata era splendida e avevo bisogno di ossigenare il corpo e la mente… con una bella camminata in montagna!

Direzione Valle Pesio, la più vicina e anche una delle mie mete preferite poiché offre svariati itinerari da percorrere anche in breve tempo, l’ideale per rilassarsi e immergersi nella natura e nel silenzio.

L’idea era di arrivare con l’auto fino al Pian delle Gorre, ma la strada era già chiusa dalla casa del guardia parco dove abbiamo dovuto parcheggiare per poi proseguire a piedi sulla strada asfaltata.
Davvero strano questo clima: primule fiorite il 3 dicembre a 1000 m di altezza!
Osservando le “stranezze” della natura si giunge al rifugio dove, invece, una leggera coltre di neve rende il paesaggio già invernale.

Si prende la strada sterrata sulla sinistra in direzione delle cascate del Saut e si prosegue fino ad incontrare, dopo poco, l’indicazione sulla sinistra (H6) per Gias Madonna. Il sentiero sale abbastanza ripido in mezzo ad uno splendido bosco e, dopo circa mezz’ora, si spiana e si arriva al Pian del Creus (m 1296), un’ampia radura dove si trova anche un angolo molto particolare: un laghetto, ora ghiacciato, con qualche panchina di legno, una staccionata e una fontana di pietra.

Qui si nota subito la palina che indica Gias Madonna e il colletto Pellerina e si prosegue attraversando la radura a fianco del torrente che, poco dopo, si oltrepassa su un ponticello di legno. Ora il sentiero si trova sulla destra orografica e il cammino prosegue per un breve tratto nella neve, poi si incomincia una salita a tornanti abbastanza ripida in un bel bosco misto di faggi e abeti bianchi.

Superata la Fonte del Mentras, altri tornanti conducono fuori dal bosco e si ammira uno splendido panorama sul Marguareis e le cime intorno spolverate di bianco. Si risale fino a raggiungere il Gias Madonna (m 1653). Il sentiero, prosegue sul pendio in direzione del colletto Pellerina ed è ben visibile.
In un breve tratto è ancora coperto di neve, poi riprende pulito e facile da percorrere.
Nessun umano in vista, solo un camoscio che sembra controllarci a distanza e l’aquila che sorvola la cima da raggiungere.

Quando si arriva sul colletto la vista si apre: alla nostra destra ben visibile il monte Pigna con in lontananza il Rosa, sulla sinistra, a valle, la splendida Certosa di Pesio sormontata dalla Bisalta e, dietro, naturalmente il Re di pietra. Una visuale davvero particolare!

Si mangia un boccone su una punta dalla quale si ammira il panorama a 360° e ci si gode il sole caldo. Assenza di vento e di rumori. Pace e natura.

Si riprende poi la discesa seguendo lo stesso percorso.
Bella camminata non molto impegnativa da provare anche con le ciaspole.

 

Fotogallery

Pian-del-Creus
Pian-del-Creus

 

 

 

 

 

 

 

 

Marguareis-da-Gias-Madonna
Marguareis-da-Gias-Madonna

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Laghetto
Laghetto

 

 

 

 

 

 

 

 

Chiara Magliano
Informazioni su Chiara Magliano 31 Articoli
Insegnante della scuola primaria. Amo la montagna, lo sport, le camminate a contatto con la natura. Mi piace immortalare con uno scatto le mie emozioni.

Commenta per primo

Lascia un commento