Escursione primaverile al monte Dubasso 1538 mt Alpi Liguri

 

Località di partenza: Madonna del Lago (CN)

Ascesa: 955 mt

Distanza: 17,85 km

Data escursione: 4 maggio 2019

Ad anello: si

Segnavia: “triangolo rosso”- al ritorno “2 bolli rossi”- AVML – “quadrato rosso”

Scala delle difficoltà escursionistiche:

GRADO CAI (Club Alpino Italiano) E (Escursionistico) – Itinerari più lunghi e non sempre su sentieri evidenti,possono comprendere tratti senza tracce o zone rocciose più ripide con passaggi in genere non molto esposti, a volte anche attrezzati; equipaggiamento adeguato da montagna

GRADO CAS (Club Alpino Svizzero) T1 – Escursionistico – A tratti ripido, possibilità di pericolo di cadute. Sentiero ben evidente e percorribile.

ACCESSO IN AUTO E LOCALITA’ DI PARTENZA:

Dal Casello di Albenga (autostrada Ge-Ventimiglia) si segue la strada per Garessio. Giunti a Martinetto si gira a sinistra sulla strada della Val Pennavaira. Dopo Nasino e Alto si prende a destra la strada per Madonna del Lago e si parcheggia intorno all’area attrezzata della Trattoria del Lago.

NOTA PERSONALE:

Il monte Dubasso è una montagna delle Prealpi Liguri (nella sezione alpina Alpi Liguri). Si trova in provincia di Cuneo (Piemonte) non lontano dal confine con la Liguria.

Il monte Dubasso è collocato sulla cresta spartiacque tra la val Tanaro (a nord) e la valle del torrente Pennavaira (a sud), nel tratto compreso tra il monte Armetta e il monte Galero.

Sulla cima del Dubasso sorgono ometti di pietrame ed una croce di vetta metallica siglata MR che contiene, in una cassettina saldata alla base, un libro di vetta. Il panorama è molto ampio e comprende varie cime delle Alpi liguri; interessante anche il colpo d’occhio sulla piana di Albenga.

I signori MR sono cittadini tedeschi rimasti ammaliati dalla bellezza delle nostre montagne ed hanno dato il loro piccolo contributo alla conoscenza del territorio ligure, installando fino ad oggi 10 croci (la decima sul monte Prearba)

Note: Maurizio Giacobbe, Dubasso (m.1538) e Armetta (m.1739), su maurizioweb.it, 2 giugno 2013

ITINERARIO:

Da Madonna del Lago (1008m) si prosegue sull’asfalto seguendo il segnavia “triangolo rosso”.

Madonna del Lago
Madonna del Lago

Ad un vicino bivio a sinistra , la strada diventa sterrata, aggirando la Rocca Asperiosa. Proseguendo si giunge ad un poggio panoramico sormontato da una croce per continuare e raggiungere una presa dell’acquedotto.

Poggio panoramico
Poggio panoramico

Da qui, le tracce non sono evidenti e per evitare di proseguire alla destra della presa d’acqua e perdere le tracce, conviene seguire i sentiero sulla sinistra sino a raggiungere una seconda presa d’acqua e continuare a questo punto sul sentiero contrassegnato sempre dal triangolo rosso.

Sentiero nella faggeta
Sentiero nella faggeta

Il sentiero inizia a salire maggiormente inoltrandosi nella faggeta offrendo la possibilità, ogni tanto, di ammirare scorci panoramici sulle pareti rocciose della Rocca Dorata e verso la piana d’Albenga.

Panorama verso la piana d'Albenga
Panorama verso la piana d’Albenga

Si prende a salire più decisamente e si raggiungono grosse formazioni rocciose chiamate Agnelleria, alle quali fa seguito una serie innumerevole di svolte all’interno del bosco sino a che giungiamo ad una zona dapprima erbosa e poi successivamente rocciosa.

 

Rocca Agnelleria
Rocca Agnelleria

Qui il sentiero è ben visibile ma si potrebbe risalire in cresta attraversando la pietraia e dalla cui sommità scorgere la croce del Monte Dubasso che si raggiunge proseguendo a camminare in quota.

Ampio-panorama-verso-il-monte-Dubasso
Ampio-panorama-verso-il-monte-Dubasso

Nonostante il tempo incerto e una consistente nebbia riusciamo a scorgere un discreto panorama anche verso il prospiciente Monte Armetta 1739 mt.

Dalla vetta, prendendo come riferimento il segnavia “bolli rossi”, si prosegue scendendo fino ad incrociare l’Alta Via dei Monti Liguri (segnavia “bianco/rossi). Seguendo quest’ultima a sinistra si raggiunge in breve il Colle di S. Bartolomeo di Garessio, crocevia di vari itinerari. Da qui decidiamo di allungare l’anello e prosegue sulla sterrata carrabile verso il rifugio Pian dell’Arma.

Rifugio Pian dell' Arma
Rifugio Pian dell’ Arma

Dopo una pausa riprendiamo il cammino su strada in direzione di Caprauna che raggiungiamo dopo aver, superato la borgata Ruora (1045 mt).

Caprauna
Caprauna

Dopo Caprauna il sentiero termina sulla strada asfaltata che dobbiamo seguire per diversi chilometri fino a quando non raggiungiamo il bivio verso Madonna del Lago. Ripercorriamo quindi parte della strada asfaltata per poi inoltrarci sul sentiero che , tagliando i tornanti della strada , ci permette di raggiungere la nostra auto.

Scarica

 

Massimo Frumento
Informazioni su massimo Frumento 42 Articoli
Determinato, ottimista, esploratore, apprezzo condividere le opportunità della vita.

Commenta per primo

Lascia un commento