La Regina delle Marittime – VALLE GESSO – Cuneo

Partenza e arrivo: Pian della Casa del Re, Valdieri (CN) – Quota partenza : 1535 mt – Quota max : 3286 mt – Dislivello : 1751 mt – Difficoltà : F+ regina delle  marittime

Dopo 8 anni decido di ritornare sulla regina delle Alpi Marittime e precisamente sulla cima nord, la mia preferita.

Preferita per i luoghi selvaggi e poco frequentati e anche perché oggi ho una curiosità da togliermi.

Parto che ancora è buio e alla luce della frontale risalgo verso il rifugio Genova seguendo il sentiero a tratti attrezzato con catene.

Arrivato sulla sterrata si percorre attraversando la diga del Chiotas (impressionante vista verso il basso) e si segue il sentiero per il colle del Chiapous.

Il sentiero sale senza troppa pendenza prima su tratti erbosi e poi su grandi pietraie fino poco prima del colle quando si incontra il bivio per il passo del Porco.

sul-passo-del-porco
sul-passo-del-porco

Si devia verso sinistra e su traccia abbastanza ripida si sale al passo che è la porta di accesso per l’altipiano del Baus.

Dopo breve tratto si abbandona il sentiero che prosegue verso il bivacco del Baus e si seguono le tante tacche e ometti che risalgono le bastionate rocciose per arrivare fin sotto alle ripide pareti della serra dell’Argentera, dove hanno inizio le due cengie oblique.

le-due-cime-dell-argentera
le-due-cime-dell-argentera

Si risale la cengia superiore e con facili passi di arrampicata si arriva sulla seconda cima in ordine di altezza delle Alpi Marittime, poco inferiore alla vicina cima sud.

Grande vista e splendido panorama… ma è ora di togliermi il sassolino dalla scarpa.

La mia idea è di percorrere una piccola gengia che porta sul colletto Coolidge, proprio sopra al famosissimo canalone della Lorousa, visto tantissime volte dal basso.

punta-gelas-di-lourousa-e-monte-stella
punta-gelas-di-lourousa-e-monte-stella

Così scese alcune centinaia di metri trovo una cengia che va nella direzione desiderata… non è quella che avevo visto prima ma un po’ superiore… sarà un grande errore. La cengia prosegue e invece di scendere sul colletto Coolidge arriva sul colletto Gunther, proprio sotto le rocce del Gelas di Lourousa, altra cima della serra dell’Argentera.

Va bene lo stesso, cerco un luogo per salire sulla cima e non trovo alcuna traccia: scendo una ventina di metri sul lato Valletta e, dopo un breve traverso, trovo un canale detritico che porta sulla cima.

laghi-chiotas-e-brocan-dalla-cima
laghi-chiotas-e-brocan-dalla-cima

Canale Coolidge visto solo dall’alto, ma altra cima conquistata… non mi rimane che ritornare a valle: un lungo, lungo percorso per arrivare all’affollato lago della Rovina, dopo aver passato tutto il giorno in completa solitudine.

Gita di grande sviluppo, ma che offre molte soddisfazioni… fino sulla cima nord il percorso è abbastanza segnalato, anche se sull’altipiano del Baus ci sono forse troppe tracce.

Per la cima del Gelas di Lourousa bisogna andare a vista… cercando il posto migliore per salire. Non ci sono grandi difficoltà , ma la gita è molto lunga e va effettuata sicuramente solo con tempo bello.

 

Scarica

 

 

Massimo66
Informazioni su Massimo66 31 Articoli
Non ci sono molte cose da raccontare. Dopo anni passati a girovagare tra le montagne in bicicletta sono diventato un escursionista , ma sempre con il gusto della scoperta.