Monte Antoroto – VALLE TANARO

Partenza e arrivo: Colla di Casotto m 1384 (parcheggio impianti Garessio 2000)

Quota max: Monte Antoroto (m 2149)

Tempo di salita: 3,30 ore circa

Dislivello: m 971

 

Il Monte Antoroto è la prima vetta delle Alpi Liguri che supera i 2000 metri.

Si trova sullo spartiacque tra la Val Tanaro e la Val Casotto e si può raggiungere da Ormea, da Valcasotto, dalla Valdinferno o dalla Colla di Casotto.

L’accesso alla cima, dalla Colla di Casotto, è panoramico e modestamente impegnativo. Dopo aver raggiunto Garessio 2000, lasciare l’auto e imboccare la sterrata in prossimità di una palina che indica Bric del Praietto (A42A), dopo pochi metri si può “tagliare” il percorso salendo a sinistra lungo l’impianto di risalita.

Rio-dei-Fusi
 Rio-dei-Fusi

Il percorso da qui è più ripido, ma più veloce. Se si vuole si può continuare sulla strada. Dopo un bel tratto nel bosco si arriva alla zona prativa e si raggiunge il Monte Berlino (m 1779, arrivo della seggiovia).

Monte-Berlino
 Monte-Berlino

Continuare poi sulla sterrata che prosegue in quota fino a raggiungere un pianoro da dove si scorge il Rifugio Savona (m 1600, attualmente chiuso) nella vallata sottostante.

Rifugio-Savona
 Rifugio-Savona

Imboccare il piccolo sentiero che scende sulla destra e attraversare tutta la zona prativa lasciandosi il rifugio sulla sinistra. In questo periodo la vallata ha una fioritura davvero magnifica, il percorso è esposto al sole, ma piacevole e non pericoloso.

 

Dopo aver attraversato un piccolo rio e una zona melmosa, si sale lievemente fino a raggiungere l’imbocco del Passo delle Caprette.

Sentiero-dal-Rifugio-Savona-al-passo-delle-Caprette
 Sentiero-dal-Rifugio-Savona-al-passo-delle-Caprette

Il sentiero da qui scende deciso per un breve tratto, poi dopo vari sali e scendi modesti ai piedi del Monte Grosso (m 2007), si giunge a Colla Bassa.

Arrivo-a-Colla-Bassa-dal-passo-delle-Caprette-il-mare-sullo-sfondo
 Arrivo-a-Colla-Bassa-dal-passo-delle-Caprette-il-mare-sullo-sfondo

Tutto il tracciato è ben visibile e ben segnalato, ci sono anche numerose frecce rosse sulle pietre che indicano la direzione. Arrivati a Colla Bassa (m 1851) si ammira il panorama: nelle giornate limpide alle spalle si scorge il mar ligure e di fronte la Val Casotto, la Capanna Manolino con la vicina chiesetta e sullo sfondo il nostro Monviso.

Monte-Antoroto-da-Colla-Bassa
 Monte-Antoroto-da-Colla-Bassa

Da qui le paline indicano vari percorsi, seguire l’indicazione per il Monte Antoroto e proseguire sul sentiero normale del versante nord che sale abbastanza deciso sulla vostra sinistra. Piegare leggermente a destra tagliando la montagna tra bassi arbusti. L’ultimo tratto prima della sella è tutto in mezzo ai rododendri.

La salita è ripida e a tratti scalinata. Giunti sulla sella trovate una palina di legno con varie indicazioni: tralasciare quella per Baita Cascina e curvare verso sinistra. Ora l’ascesa è più dolce, attraverso un traverso prativo con pendenza moderata e un ultimo tratto di filo in cresta, si giunge alla croce di vetta del Monte.

Mare e monti sono il panorama che vi aspetta, nonché un’esplosione di colori.

Ormea-e-Monte-Armetta
Ormea-e-Monte-Armetta

Per il ritorno riprendere il sentiero di andata. Se si vuole fare un anello, quando si finisce il passo delle Caprette proseguire fino al Rio e poi tenersi sulla destra scendendo di quota fino a raggiungere il Rifugio Savona.

Da qui proseguire sulla sterrata che sale dritta poi svoltare a destra seguendo le indicazioni per Colla di Casotto (1 ora). La strada scende abbastanza ripida attraversando il bosco. Mantenere la destra al prossimo bivio e proseguire fino a giungere alla Baita dei Castori (abbandonata) e immettersi nella strada asfaltata, piegando a sinistra, che riconduce al parcheggio.

 

SCARICA PERCORSO (DOWNLOAD)

 

Chiara Magliano

Chiara Magliano

Insegnante della scuola primaria. Amo la montagna, lo sport, le camminate a contatto con la natura. Mi piace immortalare con uno scatto le mie emozioni.

Lascia un commento