MTB: Attorno al Tibert e ai pascoli del Castelmagno

MTB Attorno al Tibert e ai pascoli del Castelmagno

Partenza e arrivo: Santuario di Castelmagno (CN) – Lunghezza: 20 km – Dislivello 1000m – Tempo:  4 hrs

Parcheggiata l’ auto nel piazzale sotto allo splendido santuario di Castelmagno (vedi articolo), cominciamo a pedalare sull’ asfalto dirigendoci verso il Colle di Fauniera e nel contempo, date le moderate pendenze, possiamo  ammirare da subito la bellezza dei pascoli dove “nasce” il Re dei formaggi, il Castelmagno.

Dopo 7,5 km giungiamo al trivio nei pressi del Colle d’ Esischie: alla nostra destra è ben visibile un sentiero CAI che imbocchiamo e dopo una breve parte ciclabile, ci costringe alla prima “dose” di portage (che inevitabilmente allungherà i tempi di percorrenza di questa gita), fino ad un colletto senza nome: evitiamo il sentiero di fronte a noi che si inabissa e prendiamo a sinistra, spingendo ancora la mtb in ripida salita fino a giungere al filo di cresta del M.te Pelvo.

Da qui in poi, divertimento puro: si prende verso destra il sentiero ciclabile e segnalato che si dirige verso   l’ arco montano della Valle Maira fino a giungere, dopo 10 km,  al Colle Sibolet  (2535m).

Si prosegue per il sentiero che scende (indicazione Colle Intersile) abbastanza tecnico ma praticamente in piano; dopo aver raggiunto tale colle, è necessario virare leggermene a sinistra (indicazione Bassa di Narbona): ora una bella traccia erbosa e rilassante ci porta ad un colletto con vista su Grange Tibert.

Segue la parte più tecnica del percorso, con pietre smosse: un po’ di attenzione e poco dopo il sentiero si fa scorrevole: a circa 13,5 km eccoci a Grange Tibert: seguendo la strada sterrata e al primo bivio (non segnalato, attenzione!) si prende decisamente a destra: nuovamente a destra dopo un tornante e dopo un lungo traverso si giunge a Grange Serre e, poco dopo, alla Bassa di Narbona, splendido punto panoramico.

Si segue ora il sentiero un po’ esposto che scende pian piano nel vallone di Narbona (indicazione per M.te Crosette): la traccia dapprima più facile, man mano che si avanza diventa in salita e meno ciclabile fino a costringere a spingere la mtb per 15 minuti circa: le fatiche sono ripagate all’ arrivo in cresta del M.te Crosetta: il santuario è già visibile poco lontano.

Pedalando verso sinistra giungiamo velocemente alla croce: vista spettacolare sulla pianura cuneese.

Tornando indietro al bivio, è facile trovare la traccia erbosa che scende veloce e rapida al punto di arrivo, dopo 22 km.

 

 

 

 

 

Fotogallery

salita-esischie
salita-esischie

 

 

 

 

 

 

cresta-monte-pelvo
cresta-monte-pelvo

 

 

 

 

 

 

panorama-colle-intersile
panorama-colle-intersile

 

 

 

 

 

 

 

grange-tibert
grange-tibert

 

 

 

 

 

 

 

Marco Revelli
Informazioni su Marco Revelli 70 Articoli
Caporedattore Nakture, Accompagnatore Cicloturistico per la Regione Piemonte, sposato con Elena e padre di Lorenzo e Letizia, amo l' outdoor e la montagna.