San Pietro di Monterosso – Babaciu e Museo Terra del Castelmagno

 

Immaginare la ricchezza di spunti e temi che si può trovare in una frazione di montagna come San Pietro di Monterosso può essere difficile. Mezza giornata di visita, muovendosi semplicemente tra le vie del paese è un tempo perfino ristretto.

nonnine
nonnine

Arrivando a San Pietro ci si sente osservati, una sensazione che si incontra dietro ogni angolo, sotto ogni portone o in ogni cortile. Osservandoli attentamente i Babaciu, gli abitanti del “Pais senço temp”, come lo chiamano alcuni abitanti “veri” di San Pietro, appaiono attraversare i decenni ed i secoli per portarci la loro testimonianza di ciò che fu un tempo la montagna. Senza nostalgia, animando le vie di un paese, che seppur meno abitato di un tempo, può godersi schiamazzi dei bambini, case ristrutturate finemente con comignoli fumanti, segno di giovani famiglie che qui si sentono davvero a casa.

I Babaciu, nati nel 2003 da un’idea di Graziella Menardo, sono ora più di 120 e vi aspettano tutto l’anno per raccontarvi la storia evolutiva della media valle Grana. E sono i protagonisti del Museo Terra del Castelmagno che l’omonimo ecomuseo ha realizzato nei locali ristrutturati di fronte alla chiesa.

mungitura
mungitura

Si tratta di un museo multimediale diviso in due sezioni principali, ognuna caratterizzata dal racconto, ma con due tematiche diverse. La prima, grazie ad un video ad immersione e ad alcune scene raccontate dai Babaciu ripercorre il mondo del Castelmagno, dal territorio al processo di produzione. La seconda sala, nel piano interrato, propone con alcuni video di breve durata, un viaggio nei diversi aspetti etnografici della valle Grana. I racconti della festa, dei mestieri, degli aspetti lavorativi e comunitari della montagna proposti con spezzoni di video fruibili da chiunque, leggeri e divertenti, ma capaci di offrire notevoli spunti diversi per capire la storia del mondo delle valli occitane.

 

 

Roberto Ribero
Informazioni su Roberto Ribero 2 Articoli
Vivo da sempre in Valle Grana, mi occupo di turismo legato al mondo della montagna, unione inscindibile di ricchezze naturalistiche e millenni di cultura, saperi e tradizioni.

Commenta per primo

Lascia un commento