Trail OFF ROAD MTB San Bernardo Vecchio-VALLE VARAITA

Partenza e arrivo: Verzuolo (CN)

Lunghezza: 19 km

Dislivello: 745 m –

Tempo: 2,5 hrs pause non incluse

Difficoltà:

-salita: MC

-discesa: BC+

 

Il triangolo Verzuolo-Piasco-Venasca, in bassa Valle Varaita, è una zona assai cara ai mtbikers.

Durante gli ultimi anni si è sviluppato un bel movimento di trailbuilders, che ha dato vita, nella zona sommitale di San Bernardo Vecchio (SBV), ad una serie di percorsi preparati e adatto all’ Enduro, di varia difficoltà.

Oggi parliamo di uno dei più famosi e gettonati, l’ Off Road.

Parcheggiate le auto nella Piazza Martiri della Libertà (accanto Municipio), cominciamo a pedalare in direzione Costigliole Saluzzo-Cuneo: qualche chilometro di asfalto sarà l’ ideale per scaldare le gambe in vista delle pendenze che affronteremo.

In prossimità di una doppia curva, abbandoniamo lo stradone principale per imboccare leggermente a destra, tra i palazzi, via Villanovetta. Lasciamo il traffico per pedalare su una via più tranquilla che in breve, superata l’omonima frazione, ci porta a Piasco (4km).

Il paese, col suo bel Castello, rappresenta la vera e propria “porta” della Valle Varaita: lo attraversiamo  seguendo Via Umberto I, Via Venasca e Via provinciale Sampeyre, quest’ ultima rettilinea.

Giunti ad un incrocio con indicazione attraversamento scolari e un altro marrone di area pic-nic (e cartello Serravalle poco visibile), svoltiamo a destra: la stretta asfaltata sale rapidamente con buone pendenze fino a portarci in Frazione Serravalle.

Chiesetta-Serravalle
Chiesetta-Serravalle

Superata la borgata, continuiamo a pedalare fino a Tetti Merlot, dove, virando a sinistra ad un tornante, finisce il bitume e comincia lo sterrato.

Inizio-sterrata-per-SBV
Inizio-sterrata-per-SBV

Le pendenze aumentano man mano che si sale e la strada comincia ad acquisire la classica caratteristica di forestale ripida.

Palina-SBV
Palina-SBV

Tralasciamo i vari bivi seguendo le indicazioni per SBV: la strada non concederà di rifiatare fino ad un poggio in prossimità di un pilone leggermente scostato e sede di un bivio: noi manteniamo la direzione a destra in salita.

Pilone-presso-quadrivio
Pilone-presso-quadrivio

Con un’ ultimo sforzo giungiamo all’ ultimo bivio, attraversato del sentiero U72 che riprenderemo dopo in discesa: noi, invece, svoltiamo decisamente a sinistra per raggiungere la nostra meta sommitale odierna.

Ultimo-bivio-SBV
Ultimo-bivio-SBV

Ancora una dura risalita ed eccoci arrivati al poggio ove è situata la graziosa Cappella e luogo di memoria partigiana: il panorama è davvero appagante e il gran numero di bikers e motociclisti ci fa capire quanto questo luogo sia frequentato.

SBV
SBV

Ma non è tutto: con una breve disgressione, proseguendo per due minuti in salita verso est, l’ anello odierno ci permette di godere di un magnifico punto panoramico sul Re di Pietra, il Monviso. Spettacolo!

Punto-panoramico-Monviso
Punto-panoramico-Monviso

Comincia il divertimento: si scende!

Torniamo sui nostri passi e seguiamo la traccia precedentemente percorsa in salita fino al bivio U72: proseguiamo dritti in discesa direzione Verzuolo.

Il trail che si dipana davanti a noi presenta, nella prima parte, alcune sponde, diversi salti più o meno alti e sempre evitabili: il tutto condito da un terreno molto compatto e pulito.

Decollo
Decollo

Si prosegue, arrivando ad un crocevia con cartello in legno con scritta “Off Road”.

Cartello-Off-Road
Cartello-Off-Road

Comincia la parte più tecnica, formata da alcuni “ripidoni” e tornanti stretti: una goduria impegnativa e tutta da guidare!

Drop-facile
Drop-facile

Verso il termine della discesa si imbocca a fine single-track una bella rampa in legno con salto impegnativo (necessaria almeno mtb trail per eseguirlo) ma sempre evitabile se si resta a bordo del percorso: dopo questa ultima chicca la strada si allarga: siamo ormai in prossimità della zona abitata e, costeggiando alcune case, si presenta davanti a noi la bella Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo.

Chiesa-Santi-Filippo-e-Giacomo
Chiesa-Santi-Filippo-e-Giacomo

Giunti sull’ asfalto di via “Al Castello”, prendiamo a destra e in breve raggiungiamo il centro di Verzuolo e il punto di partenza.

Itinerario abbastanza breve ma divertentissimo, in una zona caratterizzata da molti percorsi enduro che non hanno assolutamente nulla da invidiare a percorsi similari più blasonati.

 

 

Marco Revelli
Informazioni su Marco Revelli 69 Articoli
Co-Founder Nakture e Senior Manager Nakture, Accompagnatore Cicloturistico per la Regione Piemonte, sposato con Elena e padre di Lorenzo e Letizia, amo l' outdoor e la montagna.